• LinkedIn App Icon
  • YouTube App Icon
  • Facebook App Icon

© All rights resereved to Michal Levy, Private Chef.

כתבות מהעולם

seconda ricetta, kebab con broccoletti

 

 

Emergente a Vinoforum

Gio, 16/06/2011 - 12:40

Anche noi a Vinoforum, due sere, ieri e oggi dalle 19 in avanti fino a tardi. E' un ambiente diverso, più animato e a volte meno attento, forse perchè la nostra lounge si è subito riempita oltre ogni previsione. In scena giovani cuochi della regione sotto lo sguardo acuto di due bravi cuochi più maturi ma sempre giovanissimi dentro: Cristina Bowerman e Gianfranco Pascucci. Michal Levy, giovane cuoca israeliana ha incuriosito forse più di tutti; Marco Bottega oltre che bravo ha anche la stoffa del personaggio; Alessandro Cannata ha colpito per la tecnica e la preparazione; Marco Claroni per la semplicità e la passione; Davide Del Duca e Daniele Biscetti per la loro cucina di territorio leggera e moderna.

 

grande attesa per Michal Levy del Percento di Roma

chevice di spigola su gaspacho

che viene letteralmente preso d'assalto

seconda ricetta, kebab con broccoletti

il saluto finale dei vari cuochi e di Cristina e Gianfranco

 

chevice di spigola su gaspacho

grande attesa per Michal Levy del Percento di Roma

troppobuono

Assaggi, viaggi e pensieri di una giornalista gastronomica / Tastings, travels and thoughts of a food writer

 

Il Kabab di abbacchio romano IGP e broccoletti laziali dell’israeliana Michal Levy del

Percento di Roma a due passi da Campo dei Fiori (uno dei pochi locali che avevo visitato). Concentratissima e molto seria – si vede che è una “tosta” come devono esserlo le donne in cucina, Bowerman docet – non ha perso il sorriso nemmeno per un istante, ed era bellissimo vederla preparare le polpette di agnello con una gestualità che deve ormai far parte del due DNA. Bello anche il piatto, un divertente e saporito esempio di contaminazione gastronomica – anche questa, parte della tradizione israeliana – che rivisita il grande classico della cucina mediorientale in chiave laziale: buonissime le polpette giustamente speziate e arricchite con pinoli, servite con un ottimo pane alle mandorle (ricordavo di averlo già assaggiato al ristorante, dove Michal prepara tutti i pani in casa) e con affianco un cartoccetto con il broccolo romano, ancora bello croccante e piccantino. Mancava, sul mio piatto, la misteriosa salsa rossa ma semitrasparente che un collaboratore di Michal ha definito qualcosa come “ketchup israeliano”….chissa cosa sarà stato??